Rispetta la natura

Oggi vi parlo dell’approccio del fotografo di macro con la natura.

Una delle prime difficoltà che incontra il macro fotografo è trovare soggetti, la seconda è convincerli a stare fermi davanti l’obiettivo, queste due cose per un fotografo alle prime armi sono fonte di frustrazione, il loro primo pensiero è che sbagliano qualcosa oppure che esista un trucco per farli stare fermi davanti le nostre reflex.

Forti della convinzione che esista un escamotage, eccoli lì in rete, a chiedere consigli nei forum, fin qui nulla di male, documentarsi è bene, tutto sta a chi risponde, nei forum si trovano sostanzialmente due tipi di fotografi il primo più diffuso è quello cosciente che vi dirà che non c’è trucco ne inganno, la natura è cosi, gli animali sono imprevedibili, e controllarli è impossibile.

Vi dirà che oltre al fotografare con le giuste condizioni meteo, di ora, ecc…. per avere risultati serve pazienza, delicatezza, e rispetto della natura, vi dirà anche che il fotografo più esperto davanti ad un soggetto molto attivo non potrà nulla.

La seconda tipologia di fotografi (per fortuna meno numerosa) è quella che priva di rispetto e scrupoli, in beffa alla natura, usa metodi che danneggiano e uccidono, ed ecco qui che arrivano consigli del tipo usa lo spray di questo tipo, catturali e mettili in frigo ecc….

Io personalmente appartengo alla prima categoria, i soggetti che fotografo non sempre collaborano, non nego che capita di tornare in studio con una scheda di memoria piena di scatti mossi.

La Zerynthia Polyxena è presente in tutta Italia, a esclusione della Sardegna, ma è dovunque poco comune. La specie è strettamente legata alla sua pianta nutrice ed è pertanto considerata specie minacciata; è infatti inserita nella lista delle specie di interesse comunitario che richiedono una protezione rigorosa.

Quando arrivo in un posto uso tutte le accortezze che richiede il momento, sono molto attento a dove cammino, quando trovo un insetto non lo tocco mai con le mani, e in ogni fase del mio workflow l’insetto è libero di poter volare via in qualsiasi momento, non uso nessun tipo di accorgimenti illecito.

L’attenzione del fotografo deve essere sempre ai massimi livelli, specie quando si è alle prime armi, anche tra gli insetti esistono specie protette, in via di estinzione, e un vero fotografo naturalista non vorrebbe mai far del male a nessuna specie che sia questa rara o meno.

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *